Archive for May, 2007

vtiger CRM

May 30, 2007

Se conoscete il Customer Relationship Management (CRM), probabilmente sapete che:

1. il CRM è prima di tutto una strategia aziendale che punta sulla fidelizzazione del cliente
2. il CRM necessita di applicativi di CRM per permettere la piena realizzazione di questa strategia
3. le aziende che desiderano adottare il CRM, hanno quindi diverse opzioni:

a) realizzare un proprio applicativo da zero
b) acquistare un applicativo sul mercato, pagando i costi delle licenze non solo per ciascun utente CRM ma anche per le licenze collegate all’applicativo (es: licenze database, licenze sistema operativo del server)
c) utilizzare soluzioni OPEN SOURCE, che nella maggior parte dei casi si rivelano disponibili solo in modalità BASIC, per avere accesso a tutte le funzioni di CRM si devono di nuovo acquistare licenze e sostenere costi.

Quello che forse non sapete è che VTIGER è il primo CRM completamente OPEN SOURCE, sviluppato con linguaggi standard e con logiche e grafica che non hanno nulla da invidiare alle soluzioni proprietarie.

http://www.vtiger.com/

Advertisements

eLawOffice – Gestionale Studio Legale

May 29, 2007

eLawOffice e’ un progetto GNU GPL di Free Software, per la gestione di uno studio legale: per pratiche, clienti, controparti, contatti, udienze, agenda, documenti (atti e lettere), atti per il Processo Civile Telematico, etc.

eLaw e’ finalizzato all’uso del Free Software ed alla diffusione del Free Software all’interno dello studio legale: quindi eLawOffice e’ integrato con Open Office, con il formato OpenDocument (siamo membri di OpenDocument Format Alliance ed Odf Fellowship), su client e server GNU Linux (con database Mysql).

Il supporto come gestionale open source per lo studio legale non si ferma a quanto fin qui citato: eLaw funziona anche con M$Word (con documenti RTF), e M$Excel (file CSV), nonche la piattaforma windows (95, 98, NT, 2K, XP,VISTA). Il progetto e’ sviluppato e testato su Linux e Windows, non obbliga l’uso di una soluzione totalmente floss e permette passaggi graduali.

http://www.elawoffice.it

Knomos – Gestionale Studio Legale

May 29, 2007

Knomos è un progetto Open Source per la gestione integrata del workflow e della base di conoscenze dello studio legale, e in generale degli studi professionali ad orientamento giuridico.

Il progetto è stato fondato ed è gestito dall’ufficio di Londra dello Studio Legale Sutti , uno studio legale internazionale attivo in Italia e nei Balcani, per superare le limitazioni del software verticale oggi commercialmente disponibile. Di fatto, la maggiorparte dei prodotti in questo settore sono tuttora monolitici, monolingua e monopiattaforma (ovvero legati al mondo Windows/Intel), basati su tecnologie obsolete di tipo client-server o file-server, e rinchiudono i loro utenti in ambienti proprietari, dal sistema operativo sino ad arrivare al formato dei dati.

In aggiunta, agli utenti dei prodotti commerciali di questo tipo è normalmente impossibile avere accesso al codice sorgente delle applicazioni che utilizzano, così che gli stessi non hanno alcuna possibilità di sapere cosa faccia in effetti il software utilizzato, a detrimento degli obblighi legali e deontologici che gravano sugli stessi in materia di sicurezza, affidabilità e segreto che sugli stessi grava.

Al contrario, la missione di Knomos è di offrire un’applicazione Open Source allo stato dell’arte, multipiattaforma, integralmente basata su server e su standard pubblici, che possa essere utilizzata da qualsiasi studio professionale nello svolgimento della sua attività così come nei suoi contatti con clienti, consulenti, corrispondenti e fornitori.

Inoltre, Knomos è impostato in funzione della compatibilità con, o del supporto a:

  • i sistemi qualità basati sulle specifiche ISO 9001-2000;
  • i metodi di parcellazione basati su tariffe analitiche, in aggiunta alla parcellazione orararia;
  • la conformità con la normativa europea in materia di trattamento dati personali, ed inoltre con gli adempimenti in materia di misure minime di sicurezza previste al riguardo dalla legge italiana;
  • le regole deontologiche europee;
  • le regole previste in materia di “processo telematico” per il contenzioso civile italiano;
  • le regole ed i metodi in materia di firma digitale;
  • le regole in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro;
  • gli studi di settore e le norme fiscali applicabili agli studi professionali dalla normativa tributaria italiana.

http://www.knomos.org/mission.php

La migrazione da CMS 2002 a MOSS 2007

May 29, 2007

E’ possibile scaricare dei nuovi articoli sulla migrazione da Microsoft CMS 2002 a MOSS 2007.

  • Upgrading an MCMS 2002 Application to SharePoint Server 2007 (Part 1 of 2)
    Learn how to upgrade a Microsoft Content Management Server (MCMS) 2002 application to Microsoft Office SharePoint Server 2007 by using this step-by-step guide and the WoodGroveNet MCMS 2002 sample application. This article is part 1 of 2. (25 printed pages)
  • Upgrading an MCMS 2002 Application to SharePoint Server 2007 (Part 2 of 2)
    Learn how to upgrade a Microsoft Content Management Server (MCMS) 2002 application to Microsoft Office SharePoint Server 2007 by using this step-by-step guide and the WoodGroveNet MCMS 2002 sample application. This article is part 2 of 2. (35 printed pages)
  • Ricerche cross sites per WSS 3.0

    May 29, 2007

    Uno dei limiti della ricerca su WSS 3.0 è l’obbligo di ricercare elementi presente all’interno del solo sito corrente.

    Non avevo dubbi che prima o poi qualcuno ci pensasse, così come accaduto per WSS 2.0, ed ecco qua la soluzione: KWizCom ha realizzato il suo WSS Cross Site Search, disponibile in versione Standard e Professional.

    Grazie a questi tools è possibile estendere le ricerche sull’intera Site collection, è possibile accedere ad una ricerca avanzata ed ottenere l’highlight delle keyword ricercate nei frammenti di testo mostrati tra i risultati.

    Migrazione a WSS 3.0 da WSS 2.0

    May 24, 2007

    Un cliente mi ha chiesto se era possibile passare a WSS 3.0 da WSS 2.0, o se bisogna installare da zero i nuovi WSS.

    Certo che si può, e si può fare anche di meglio: per esempio migrare dalla vecchia versione alla nuova.

    Spinto dalla curiosità ho voluto anche fare una prova per capire se possono convivere. Anche questo si può fare.

    Io sono partito da un WIN2K3 con WSS 2.0 configurati con un sito padre ed ho provato a installare anche WSS 3.0.

    Volevo ottenere il seguente risultato:

    Quindi partendo dalla condizione in cui il primo web è configurato e perfettamente funzionante, ho installato il .Net Framework 3.0, requisito per i nuovi Windows Sharepoint Services.

    Fatto questo, occorre installare i wss 3.

    Attenzione! Dopo aver lanciato il setup, occorre selezionare “Yes, perform a gradual upgrade” che permette di fare l’upgrade di ogni web quando si vuole, manualmente.

    Altrimenti c’è anche la “in-place upgrade” che converte i web automaticamente alla nuova versione (non ho ancora provato, ma so per certo che ci sono problemi con web fortemente customizzati, maggiori info a partire da qui).

    L’installazione dovrebbe proseguire e terminare senza problemi.

    Perfetto.

    Cosa manca?

    Beh, manca un web esteso con i wss 3.0, altrimenti avrete solamente installato il motore ma non l’avete ancora acceso.

    Se provate ora a lanciare il “SharePoint Products and Technologies Configuration Wizard“, otterrete un bell’errore che vi comunicherà di eseguire prima un “pre-upgrade scan”.

    Cosa significa?

    Molto semplice: avendo scelto una gradual upgrade, wss non ha preconfigurato alcun web per il passaggio alla nuova versione, quindi il wizard non può procedere, non trovato alcun web pronto all’upgrade.

    Dovrete quindi recarvi nella directory bin dei WSS 3.0 (es. %windir%\Program Files\Common Files\Microsoft Shared\web server extensions\12\bin) ed eseguire un prescan sul web che volete estendere a WSS 3.0.

    Qui bisogna però prima fare una cosa: creare il web http://localhost:8081/ ed estenderlo con i WSS 2.0.
    Infatti se un web non è già esteso ad una versione precedente, non può essere fatto l’upgrade, vi verrà segnalato che il web non è valido.

    Dopo aver fatto questo, recatevi con un bel command prompt nella directory sopracitata ed eseguite:

    c:\>prescan http://localhost:8081/

    • il comando prescan va eseguito per tutti i siti estesi con WSS v2, indipendemente dal fatto se debbano essere upgradati alla v3 (nessun cambiamento viene apportato)
    • il sito che si vorrà estendere con la v3 (nel nostro esempio http://localhost:8081) non deve già essere esteso con le v2, una volta eseguito il Sharepoint Configuration Wizard si creerà la web application a quell’indirizzo e poi si creerà il top site

    A questo punto i WSS 3.0 si attiveranno, creando un file di log (in formato xml) che poi verrà preso in pasto dal “Sharepoint Products and Technologies Configuration Wizard” per creare il primo web (quello di amministrazione) con i nuovi services.

    Interessante notare che il web http://localhost:8081/ è solamente un place-holder per ora, nel senso che serve solamente per creare quel file xml in modo che il wizard possa funzionare, ma il sito d’amministrazione verrà creato (come sempre) su un’altra porta (scelta random o di vostra scelta).

    Una volta creato l’ambiente di amministrazione potete partire da li e crearvi tutti i siti WSS 3.0 che volete.

    Ovvio che sia l’amministrazione che i siti in WSS 2.0 rimangono comunque attivi e funzionanti, e quindi anche la nuova creazione di siti con WSS 2.0.

    Ho riportato in questo post dei passi “critici” che non ho trovato, per tutto il resto potete riferirvi qui.

    Comunque sia il miglior modo per migrare un sito WSS 2 a WSS 3 è utilizzare il backup & restore di Sharepoint Designer.

    Ho fatto delle prove su 2/3 siti (con sotto siti) anche con l’opzione di import/export ma in tutti i casi ottenevo errori più o meno sensati…

    Il backup vi permette di ottenere un file .cmp che poi viene tranquillamente ripristinato con il comando “restore”.

    Per il buon funzionamento del tutto è stato necessario nel mio caso selezionare l’opzione “Backup as personal site” e “Do not drill subsite”.

    Il risultato è impressionante: un sito che, ad occhio, sembra ancora un wss2 ma in realtà ha tutte le opzioni dei nuovi WSS 3.

    Migliorare le performance di SharePoint con file di grandi dimensioni

    May 22, 2007

    Lavorare con file grossi su SharePoint 2007 significa incidere sulle performance, chiaramente legate anche alla disponibilità del network (LAN o WAN).

    Un comando utile può essere STSADM.EXE, combinato all’operation Large-file-chunk-size.

    Nella pratica si tratta di configurare la dimensione dei blocchi con cui sono ripartite le informazioni dei file all’interno dei campi BLOB del database.

    Ad esempio: per un file di 200 MB di dati BLOB, suddiviso in blocchi (chunks) da 4 MB, serviranno circa 50 operazioni per eseguirne il download (o l’upload).

    E’ dunque possibile “regolare” la dimensione dei chunks, in modo da:
    – aumentare la dimensione dei chunks per ridurre il numero delle operazioni (utile in LAN, dove abbiamo banda da spendere);
    – diminuire la dimensione dei chunks per aumentare il numero delle operazioni, ma con scambi di dati più brevi (utile in WAN, dove abbiamo poca banda da spendere).

    Naturalmente sarà necessario fare qualche test per individuare la configurazione migliore, tenendo conto della banda disponibile, del traffico ed ovviamente della dimensione media dei file.

    Ecco la sintassi del comando:

    STSADM.EXE -o setproperty -pn large-filechunk-size -pv <dimensione>

    Features aggiuntive per WSS 3.0 e MOSS 2007

    May 5, 2007

    Segnalo la disponibilità di un certo numero di features per WSS 3.0 e MOSS 2007, che ne potenziano ed estendono le funzionalità di base.

    Queste features sono free e open source.

    Task Alert Feature download
    Task Mover Featuredownload
    Placeholder Master Feature download
    Theme Changer Featuredownload
    Manage Form Users Feature download
    Debugger Feature download
    Log Viewer Featuredownload
    Content Type Hierarchy Feature download
    Presence Contact List Feature – download
    Print List Feature download

    Maggiori informazioni sul progetto.

    Acquisire da scanner direttamente su SharePoint

    May 4, 2007

    Dark Blue Duck ha rilasciato la versione compatibile per SharePoint 2007 (WSS 3.0 e MOSS 2007) dell’add-in che consente di acquisire direttamente da scanner documenti ottici, memorizzandoli all’interno di una Document Library.Il prodotto, a pagamento (560€) ma disponibile in trial, si chiama Scanning Enabler 2007.

    PROMOGEST gestionale Open Source per la piccola e media impresa

    May 2, 2007

    Per dirla con Linus Torvalds: «Dove saremmo oggi se Newton, quel giorno, si fosse semplicemente limitato a mangiarsi la mela senza condividere col mondo le sue considerazioni sulla gravità?».
    La riflessione da cui tutto prende piede è semplice: cercare un accostamento diverso alla tecnologia ed al suo modo di utilizzarla mantenendo altissima l’attenzione per la qualità e la professionalità. Approccio filosofico, forse, sicuramente diverso dal sistemistico puro o programmatico ingegneristico. Promogest nasce da una profonda convinzione: la conoscenza è un bene comune da condividere con tutti. Promogest nasce da quest’idea. Un’idea forte. Un’idea complessa di libertà, di sicurezza, di efficienza, di convenienza e di continuità. E’ la stessa filosofia che determina un caparbio orientamento del prodotto a una implementazione costante e a un continuo accrescimento delle sue funzionalità e potenzialità d’utilizzo. 

    Promogest è nella realtà dei fatti la soluzione integrata per ogni tipo di esigenza riguardante le piccole e le medie imprese.
    Fornisce gli strumenti per una completa copertura funzionale delle aree acquisti, aliquote, anagrafiche, banche, bolle, clienti, condizioni, contatti, documenti, fornitori, forniture, giacenza, imballaggi, listini, magazzini, movimentazione, pagamenti, prodotti, rendimento, report, sconti, servizi, stoccaggio, valorizzazione, vendibilità, vendita, vettori e molto altro …tutto sotto controllo per una crescita professionale e produttiva costante.

    Architettura Client-Server che gira nativamente sotto Linux, Windows e Mac. Una peculiarità fortemente voluta e ricercata da Promotux per venire incontro anche a quelle aziende che per varie ragioni devono utilizzare sistemi operativi diversi.
    E’ il paradosso Promogest: pur essendo un prodotto innovativo nella sua concezione di sviluppo e nella sua realizzazione, pur essendo destinato a rappresentare lo stato dell’arte nel suo settore, seppur avviato a essere un punto di riferimento assoluto, ha scelto di non imporre traumatici cambiamenti a quei clienti che non desiderano cambiare le loro consolidate abitudini operative.

    http://promogest.promotux.it/